Buone regole e avvertenze sull’utlizzo dei sistemi di ritenuta

Le buone regole:

  • Usare correttamente i sistemi di ritenuta in auto per bambini (SRAB) sempre, anche per brevi tragitti urbani, infatti in città si registra il 76% di tutti gli incidenti;
  • E’ sconsigliato usare lo SRAB di seconda mano;
  • Leggere e seguire scrupolosamente le istruzioni per l’uso e il montaggio dello SRAB;
  • Montare lo SRAB sui sedili posteriori e controllare che le cinture di sicurezza dell’auto siano ben tese;
  • Non posizionare lo SRAB su sedili protetti da airbag;
  • Orientare lo SRAB contro il senso di marcia anche dopo il raggiungimento dei 9 Kg di peso, possibilmente fino al 3°- 4° anno di età;

Nella scelta dello SRAB valutare:

  • La protezione garantita anche in caso di urto laterale;
  • La presenza di cuscini e regolatori che garantiscano la corretta postura del bambino in tutte le fasi di crescita. Nei primi mesi di vita la posizione più corretta è quella sdraiata o semiseduta;
  • Preferire esercizi commerciali che forniscano consulenza sul montaggio e prevedano di provare lo SRAB sull’auto prima dell’acquisto definitivo.
  • Se lo SRAB prevede una “base” per l’appoggio acquistarla perché conferisce maggiore stabilità;
  • Optare per SRAB confortevoli per il bambino e con tessuti sfilabili e lavabili;
  • Adottare il modello successivo in base al peso del bambino e facendo anche attenzione che la testa sia ben protetta dallo SRAB. La distanza tra la sommità del capo del bambino e il bordo superiore della poltroncina deve essere almeno di cm 5;
  • Usare solo la cintura di sicurezza quando il ragazzo ha una altezza di almeno cm 150;
  • Fare salire e scendere i bambini dall’auto solo in condizioni di assoluta sicurezza e sempre dalla parte che guarda il limite esterno della carreggiata;
  • Bloccare con le cinture di sicurezza dell’auto lo SRAB anche se non c’è il bambino. In caso di collisione questo oggetto viene proiettato violentemente in avanti e può causare danni agli occupanti del veicolo;
  • Dare il buon esempio allacciandosi sempre le cinture;
  • Non somministrare cibo durante il tragitto come lecca-lecca o gelati con il bastoncino: in caso di brusca decelerazione potrebbero causare danni;
  • Verificare che i giocattoli che vengono utilizzati non siano troppo pesanti e/o di metallo con lati taglienti e acuminati;
  • Non lasciare il bambino incustodito all’interno dell’auto;
  • Proteggere il bambino dai raggi solari e dalle elevate temperature che si possono generare all’interno dell’abitacolo;
  • Effettuare un numero adeguato di soste durante i lunghi tragitti;
  • Non lasciare oggetti sulla cappelliera, in caso di incidente questi si spostano all’interno dell’auto assumendo molto peso e causando gravi danni agli occupanti;
  • Il conducente, prima di avviare la marcia, deve verificare che tutti gli occupanti dell’auto utilizzino idonei sistemi di ritenuta. Questo comportamento è utile anche ai fini della copertura assicurativa.

 Alcune importanti avvertenze:

  • La cintura deve decorrere esattamente nei punti dello SRAB previsti dal costruttore;
  • La cintura deve appoggiare sui seguenti distretti corporei del ragazzo: spalla/clavicola, gabbia toracica, ossa del bacino. Se decorre in altre zone costituite da tessuti diversi da quello osseo,come il collo e/o l’addome, la cintura può causare gravi danni e/o recidere arterie e vene di grosso calibro;
  • Non frapporre alcun oggetto metallico tra il nastro della cintura e il corpo (es. fibbia metallica della cintura dei pan taloni, spille metalliche, ecc. ). In caso di collisione questi oggetti, spinti dalla grande forza che esercita la cintura per trattenerci, possono penetrare nell’organismo con gravi conseguenze;
  • Fare aderire bene la cintura al corpo togliendo eventuali indumenti pesanti (giacche invernali, ecc.). Questi capi di abbigliamento potrebbero vanificare la tenuta della cintura;
  • Assicurarsi che la cintura sia ben distesa e appoggi con tutta la sua superficie sul corpo. Diversamente diminuisce l’area su cui la cintura esercita la sua forza, aumentando notevolmente la pressione in quel punto, con conseguenti possibili gravi lesioni;
  • Regolare il poggiatesta dell’auto affinché il suo margine superiore sia all’altezza del margine superiore del cranio;

Le domande più frequenti:

1. I “cuscini rialzatori senza schienale e poggiatesta” sono adeguati? Sono adeguati a rispettare la normativa vigente, ma decisamente meno sicuri, soprattutto negli incidenti laterali, a proteggere il ragazzo.

2. Perché non si possono usare più gli SRAB con numero di omologazione ECE R44-01 o 02 o 03? Perché offrono un livello di sicurezza troppo inferiore rispetto a quelli omologati attualmente. Il regolamento R44 è nato nel 1981 e se lo SRAB ha un numero di omologazione R44-02 è stato prodotto prima del 1995! 3. Lo SRAB è obbligatorio anche quando si trasportano amici dei nostri figli? Sì, il conducente è il maggiorenne responsabile della sicurezza di tutti i tra sportati, a meno che in auto non sia presente un adulto che esercita la patria potestà sul minore.

4. I due bambini che si possono trasportare in auto in aggiunta ai posti a sedere previsti dalla carta di circolazione, possono non usare lo SRAB? Non è più ammesso trasportare bambini fino a 12 anni in sovrannumero.

5. In caso di mancato o scorretto uso di SRAB, la Compagnia Assicuratrice può non rimborsare i danni biologici causati nell’incidente? Sì, perché il conducente ha agito con colpa grave non assolvendo a quanto prescritto dal C.d.S.

6. Cosa posso fare se il mio bambino pesa 20 kg. e durante il tragitto in auto si addormenta sfilandosi la cintura nel tratto toracico? Utilizzare cuscini rialzatori dotati di schienale e poggiatesta che garantiscono anche in caso di sonno la postura adeguata. E’ utile impiegare anche sostegni imbottiti.

7. Gli SRAB universali omologati per pesi da 0 a 36 kg. sono sicuri? I test effettuati da diversi enti dimostrano che, pur essendo omologati, garantiscono livelli di protezione molto bassi perché non riescono ad adattarsi ai vistosi cambiamenti che avvengono nel corpo del bambino in questi 12/13 anni. Inoltre sono molto ingombranti e poco funzionali.

8. Se lo SRAB è entrato in funzione in un incidente, devo cambiarlo? Sì, tutti i dispositivi di protezione in auto sono oggetti monouso e quindi costruiti per reggere un solo impatto. Quindi se durante il sinistro a) il bambino era nello SRAB b) la collisione è avvenuta a velocità superiori ai 35 Km/ore, lo SRAB non é più sicuro e deve essere sostituito.

9. Il bambino (2-5 anni) non vuole andare nello SRAB perché non vede bene il paesaggio? Proporre un “centro di interesse” all’interno dell’auto per catturare la sua attenzione con giochi, musica.

10. Gli SRAB del gruppo da 15 a 36 kg. Possono essere usati anche per ragazzi più pesanti? Sì, fino ad una altezza pari a cm.150 sono obbligatori. Infatti se non si raggiunge questa altezza la sola cintura di sicurezza non appoggia nei punti giusti ed é pericolosa.

11. Il bambino (5-7 anni) non vuole usare lo SRAB perché lo considera per bambini “piccoli” Spiegare al bambino l’utilità dello SRAB per proteggerlo in caso di incidente, che è troppo importante per i suoi genitori che gli vogliono bene e che lo SRAB è una sua zona personale. Se il ragazzo è più grande può essere utile coinvolgerlo nella fase dell’acquisto orientandolo verso l’oggetto più sicuro.

12. E’ consentito trasportare bambini sul sedile anteriore dell’auto? Il C.d.S. consente il trasporto dei bambini di ogni età sul sedile anteriore, a condizione che siano protetti da adeguato SRAB utilizzato correttamente. Le evidenze scientifiche comunque dimostrano che i sedili posteriori sono molto più sicuri.

13. Il criterio che obbliga l’uso di SRAB è l’età, il peso, l’altezza? L’altezza è il criterio, e lo SRAB deve essere adeguato al peso corporeo del bambino poiché l’omologazione ECE-ONU usa questo parametro per testare questi sistemi di protezione.

14. Sui taxi è obbligatorio l’uso di SRAB per bambini di altezza inferiore a cm.150? No, a condizione che il bambino occupi i sedili posteriori e sia accompagnato da persona di età superiore ai 16 anni.

 

I commenti sono chiusi